• Vaccini, ecco il decalogo SIP “antibufale”

    primaIn occasione della settimana mondiale delle vaccinazioni, promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la Società Italiana di Pediatria lancia il decalogo “antibufale” per smentire i più comuni falsi miti sui vaccini, un’iniziativa volta a contrastare, attraverso la corretta informazione, il calo delle coperture vaccinali.

    Il decalogo sarà distribuito in forma di manifesto  ai 10 mila pediatri associati alla SIP affinché venga esposto negli studi e negli ambulatori pediatrici a disposizione delle famiglie.

    “Il più comune falso mito è credere che le malattie infettive siano scomparse e che i vaccini siano inutili. Al contrario il calo delle vaccinazioni sta facendo riemergere malattie che credevamo debellate, come la pertosse e la difterite”, afferma il Presidente SIP Giovanni Corsello.

    Il decalogo è frutto del lavoro di un gruppo di esperti e rappresenta la prosecuzione di un percorso avviato a novembre dello scorso anno in occasioni degli Stati Generali della Pediatria.

    I vaccini, come tutte le preparazioni, sono composti da molti elementi. Oltre all’antigene ‒ cioè il principio attivo ‒ che solitamente è un microorga

    1nismo (virus o batterio) attenuato o inattivato, sono presenti un liquido di sospensione (spesso acqua distillata sterile o soluzione fisiologica sterile) e adiuvanti (generalmente sali di Alluminio, che stimolano la risposta immunitaria rendendola duratura). L’uso di conservanti a base di mercurio (timerosal) è stato completamente abbandonato nel 2002, sia per l’attenzione mediatica esplosa in quel periodo su basi poi rivelatesi infondate, sia per la scomparsa di vaccini in confezione multidose per i quali era utilizzato. Sono presenti anche stabilizzanti come albumina e gelatina, e infine antibiotici, utilizzati in dosi molto basse per prevenire la crescita batterica: i più utilizzati sono la neomicina, la kanamicina e la streptomicina (altri antibiotici a maggior rischio di allergia non sono utilizzati). Tutte queste sostanze sono presenti in quantità minimali e nella stragrande maggioranza dei casi non costituiscono alcun problema per la salute. Saltuariamente si possono verificare reazioni allergiche locali delle quali il professionista sanitario informerà prima della somministrazione.

    Vaccini-Falsi_miti_64x88-testobreve.indd

    Fonte: Società pediatrica italiana.

    ↵TORNA A NEWS

  • Allattandovi – Banca del Latte Umano Donato di Vicenza –

    Perchè una Banca del Latte Umano?allatto

    L’allattamento al seno rappresenta la norma per l’alimentazione dei neonati sia a termine che pre-termine. Il latte della propria mamma presenta vantaggi di tipo nutrizionale ed immunologico insuperati. Vi sono, però, particolari situazioni cliniche dove il latte della mamma non è disponibile e pertanto sorge la necessità di avere a disposizione del latte umano.

    Nei bambini prematuri la somministrazione di latte umano aumenta la possibilità di sopravvivenza e ne favorisce l’accrescimento e lo sviluppo, perché fornisce tutte le sostanze nutritive di cui hanno bisogno, nella forma più assimilabile e nelle proporzioni esatte.

    Per questo motivo sorgono le Banche del Latte Umano Donato che svolgono un servizio finalizzato a selezionare le donatrici, raccogliere, controllare, trattare e conservare in condizioni di sicurezza il latte delle mamme donatrici e distribuirlo poi gratuitamente per specifiche necessità mediche.

    L’Italia risulta essere, ad oggi, uno tra i Paesi più attivi in Europa con ben 32 banche del latte operative.

    Le banche del latte, e quindi la disponibilità di latte umano donato, costituiscono un importante valore aggiunto a supporto delle terapie nei reparti di patologia nvantaggieonatale.

    Nel 2014 il Reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale S. Bortolo, in concerto con la Direzione dell’Ospedale stesso, la Direzione della Centrale del Latte di Vicenza e la Fondazione San Bortolo, hanno condiviso la volontà di realizzare anche a Vicenza una Banca del Latte. L’obiettivo del progetto è garantire il diritto al latte materno grazie alla solidarietà.

    La Banca del Latte Umano Donato AllattandoVi vede più attori operativi al suo interno.

    Il reparto di Neonatologia dell’Ospedale di Vicenza, a garanzia della sicurezza e dell’idoneità del latte materno donato, esegue accurate indagini sierologiche sulle mamme e scrupolosi controlli microbiologici sul latte. Le mamme donatrici vengono istruite e dotate del materiale necessario al prelievo del latte.

    Il latte donato viene poi ritirato presso il domicilio della mamma da personale formato della Croce Bianca di Vicenza che lo consegna alla Centrale del Latte di Vicenza, qui, nel laboratorio BLUD specializzato, viene pastorizzato e congelato.

    Viene poi riconsegnato al personale della Croce Bianca di Vicenza che lo porta in Ospedale per essere affidato al personale dedicato in servizio presso la Patologia Neonatale, che provvede a distribuirlo ai piccoli pazienti della Terapia Intensiva Neonatalelatte materno

    Progetto promosso da Ospedale di Vicenza Dipartimento Materno Infantile Unità Operativa di Terapia Intensiva Neonatale.

    ↵TORNA A FOCUS

  • PROBLEMI ALLA VISTA: COME CONTRASTARLI IN MODO NATURALE

    Problemi alla vista: come contrastarli in modo naturale

    COME PROTEGGERE I NOSTRI OCCHI IN MODO NATURALE

    L’occhio è l’organo di senso preposto alla ricezione degli stimoli luminosie delle immagini che, elaborate a livello celebrale, danno luogo all’esperienza visiva. Proprio per la cruciale importanza di questi organi, è fondamentale prevenire o limitare per quanto possibile eventuali problemi alla vista. Non a caso si sente spesso dire che l’occhio è lo specchio dell’anima, questo perché essi sono l’espressione del mondo interiore. Infatti ogni sguardo è un libro aperto verso la vita interiore e, talvolta, racconta la persona stessa: uno sguardo luminoso può manifestare serenità e buona disposizione verso il prossimo; uno cupo può indicare difficoltà emotive, mentre un’espressione con pupille dilatate (e magari la bocca sempre aperta) può indicare stupore. Per questa, e molte altre funzioni, è quindi fondamentale tutelare e proteggere il nostro sguardo.

    La vita di tutti i giorni pretende moltissimo dai nostri occhi e molte situazioni possono favorire l’insorgenza di piccoli o grandi problemi alla vista: se si lavora al computer, per esempio, gli occhi devono adattarsi a diversilivelli di contrasto e luminosità; mentre se si portano lenti a contatto viene a ridursi la quantità di ossigeno che raggiunge la cornea, limitando così la normale produzione di liquido lacrimale.

    Anche uno studio o una lettura eccessivi, eseguiti spesso in spazi chiusi e ristretti con luci artificiali, possono affaticare molto gli occhi e, col tempo, causare lo sviluppo di problemi alla vista; infine, agenti esterni comepolveri e sporcizia possono provocare infezioni a questi delicatissimo organi. Non sorprende, quindi, che i nostri occhi soffrano e inizino a lacrimare, bruciare e arrossarsi.

    3 PIANTE UTILI CONTRO I PROBLEMI ALLA VISTA

    Un importante supporto per la cura dei nostri occhi può arrivare anche dal mondo naturale. Esistono infatti alcuni prodotti fitoterapici che possono essere molto utili per la vista: il mirtillo nero (Vaccinium myrtillus), il cui estratto può favorire un «aumento della resistenza e della permeabilità dei capillari, con azione specifica degli enzimi della retina» (A. Bruni, M. Nicoletti, Dizionario ragionato di erboristeria e di fitoterapia, Padova 2003), può avere un’azione beneficasulla vista, mentre la Vite rossa (Vitis vinifera) «viene in aiuto con i suoi bioflavonoidi», sostanze che possono favorire «il benessere della retina» (Le dieci erbe indispensabili. I rimedi verdi da tenere sempre in casa per curare ogni genere di disturbo, a cura di G. Maffeis, Milano 2014).

    Infine l’Ippocastano (Aesculus hippocastanum) «noto per la sua azione venotonica […] riduce anche la fragilità capillare» (F. Perugini Billi, Manuale di fitoterapia, Azzano San Paolo 2004).

    LE REGOLE PER PRESERVARE IL BENESSERE DEGLI OCCHI

    Come ogni singola parte dell’organismo umano, gli occhi sono organi di straordinaria importanza, per questo è necessario prendersi sempre cura di essi. Oltre a sottoporsi a una visita oculistica annualmente, per mitigarebruciore e secchezza temporanee ci si può avvalere per esempio di lacrime artificiali, utilizzabili anche quando si portano lenti a contatto, mentre per ridurre l’affaticamento è indispensabile fare ginnastica oculare e tenere puliti gli occhi. Ancora, indossare occhiali da sole può proteggere gli occhi da polveri o da pollini durante il periodo primaverile, nelle giornate ventose e in spiaggia. Ma anche chi si trova in luoghi al riparo da vento e polveri può comunque ritrovarsi con gli occhi affaticati: l’aria estremamente asciutta di certi ambienti può infatti provocare rossore e secchezza. Si tratta, tutto sommato, di piccoli accorgimenti finalizzati alla protezioni di organi fondamentali!

    Fonte: Dr Giorgini.

    ↵TORNA A FOCUS

  • COLAZIONE SI O NO?

    La colazione del mattino ricopre un ruolo molto importante per il nostro organismo, questo perché avviene  dopo diverse ore di digiuno notturno ed è proprio in questa frazione che abbiamo  bisogno di “carburante” per ripartire. Per fare una buona colazione la strategia vincente sta nel dedicarle il giusto tempo: alzandosi dieci minuti prima, non solo si ha il tempo di svegliarsi e di sentire la sensazione di appetito conseguente al digiuno notturno, ma anche di iniziare la giornata in modo non frenetico.

    Una colazione assente o insufficiente innesca un meccanismo che ci porterà ad essere affamati alla merenda della metà mattina, di conseguenza a pranzo non avremo fame, la merenda pomeridiana sarà di nuovo eccessivamente abbondante e la cena scarsa. In sostanza si sposta il bilancio nutrizCOLAZIONE SI O NO?ionale negli spuntini a scapito dei pasti che devono essere principali.

    Gli alimenti più indicati nella nostra tradizione per la colazione sono il latte o lo yogurt con i cereali come il pane, le fette biscottate, i biscotti; marmellata o miele; un frutto o una spremuta d’arancia.

    I consumatori abituali di un’ adeguata prima colazione sembrano essere meno predisposti al sovrappeso e all’obesità.  Gli adolescenti normopeso che la saltano spesso andranno più facilmente, in età adulta, incontro all’aumento dell’ indice di massa corporea.  Ancora, i soggetti che consumano con regolarità il primo pasto della giornata, includendo in esso cereali integrali a basso indice glicemico e frutta, hanno rivelato una significativa riduzione di fattori di rischio per le malattie cardiovascolari, il diabete mellito, la dislipidemia ed il sovrappeso. Nonostante gli effetti benefici della prima colazione siano ampiamente dimostrati, solo pochi di noi sono abituati a consumarla regolarmente e, di questi, la maggioranza non si concede un pasto adeguato dal punto di vista qualitativo e quantitativo per affrontare la giornata, limitandosi ad un caffè o al massimo ad un cappuccino.

    Ci ritroviamo così senza volerlo in un bel  “circolo vizioso” determinato proprio dall’eliminazione del primo pasto della giornata : saltando la colazione al mattino i livelli di glucosio nel sangue (glicemia) calano al di sotto della norma, si avverte fame e mancanza di energia; di conseguenza andremo a cercare carboidrati ad alto indice glicemico (snack, cioccolato, biscotti in tarda mattinata, pasta e pane in abbondanza a pranzo e/o cena) che provocano un immediato aumento dei livelli di glucosio nel sangue, con conseguente rilascio dell’insulina prodotta dalle cellule beta del pancreas per ovviare all’innalzamento della glicemia. L’insulina a questo punto farà il suo bel lavoro, ovvero determinerà un repentino abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue che indurrà nuovamente l’assunzione di alimenti ad alto indice glicemico. Queste fluttuazioni accentuate , questi  “spike” della glicemia ed i conseguenti picchi insulinici durante l’arco delle 24 ore possono determinare per il nostro organismo un maggior rischio di sviluppare resistenza all’insulina e diabete mellito di tipo 2. Allora è  evidente che il salto della prima colazione è un’abitudine che dobbiamo assolutamente perdere per rimanere sani e informa.

    Dott. Andrea Zonza
    Biologo Nutrizionista – R&D ProAction
  • DISINTOSSICARSI IN PRIMAVERA CON LA FITOTERAPIA

    Disintossicarsi in primavera con la fitoterapia

    ALCUNE PIANTE POSSONO AIUTARE IL LAVORO DEI RENI, I “FILTRI” DEL NOSTRO ORGANISMO

    La primavera, secondo la Medicina Tradizionale Cinese, è la stagione in cui tutto ha inizio e la natura “risorge” a nuova vita.

    Il nostro corpo, tuttavia, può risultare affaticato dalle scorie accumulate durante l’inverno a causa di:

    • maggiore sedentarietà;
    • una dieta troppo ricca.

    Gli organi deputati allo smaltimento di queste scorie, i cosiddetti organi emuntori, possono dunque essere sottoposti a un superlavoro e faticare a smaltire le tossine in eccesso, che si accumulano nell’organismo.

    Tra gli organi più sollecitati da questa attività di pulizia ricordiamo il fegato e i reni.

    Per questo motivo, proprio al cambio di stagione, può essere utile seguire una dieta disintossicanteall’occorrenza fare ricorso ad integratori specifici per depurare il fegato, e prodotti per favorire anche ladepurazione renale.

    Il ruolo svolto dai reni è infatti di estrema importanza dal momento che questi provvedono, tramite le vie urinarie, all’eliminazione di una grande quantità di sostanze dannose, tossiche o residuali, che provengono dal metabolismo dei tessuti per mezzo del fegato.

    Quando i reni non funzionano correttamente, le tossine si accumulano, insieme a tutti i liquidi in eccesso che l’organismo non riesce a espellere.

    Come depurare i reni in modo naturale h2

    Tra i principali fattori che possono affaticare i reni ricordiamo:

    • uno scarso apporto di liquidi (meno di un litro di acqua al giorno);
    • eccessiva introduzione di sodio con l’alimentazione;
    • eccessiva introduzione di proteine animali (carni rosse e grasse);
    • alimentazione ricca di prodotti industriali confezionati con additivi e conservanti, coloranti ecc.;
    • assunzione di alcuni farmaci.

    Per aiutare i reni nel loro compito di veicolare all’esterno gli scarti accumulati, può essere un valido supporto, in alcuni periodi, un’integrazione mediante prodotti naturali a base di  piante come:

    • parietaria, betulla bianca, bucco, ortica funzionamento delle vie urinarie e il drenaggio dei liquidi corporei;
    • ortica, aparine e coclearia che sostengono le funzioni depurative dell’organismo.

    Un ulteriore supporto può arrivare dall’assunzione di prodotti a base di potassio ed arricchiti con estratti di piante (come l’ananas, che aiuta il drenaggio dei liquidi corporei), sali minerali e vitamine.

    L’equilibrio tra sodio e potassio all’interno del corpo umano è infatti fondamentale per evitare un accumulo di liquidi nelle cellule. Tenendo conto del fatto che con la dieta è più facile assumere sodio in eccesso, questo equilibrio può facilmente risultare alterato e provocare ritenzione idrica. L’assunzione di potassio può dunque risultare utile per ristabilire questo equilibrio e può aiutare il nostro fisico a smaltire i liquidi in eccesso favorendo, di conseguenza, la depurazione.

    Il nostro Laboratorio produce un Depurativo Drenante liquido che aiuta l’organismo a depurarsi e a disintossicarsi dal periodo invernale!

    Chiedi informazioni ai farmacisti!

    Fonte Dr. Giorgini.

    ↵TORNA A NEWS

  • PERCHÉ CADONO PIÙ CAPELLI AL CAMBIO DI STAGIONE?

    Perché cadono più capelli al cambio di stagione?

    L’AUTUNNO E LA PRIMAVERA SONO PERIODI DI TRANSIZIONE ANCHE PER LE CHIOME

    Notare un aumento della caduta dei capelli all’inizio della primavera o dell’autunno può essere considerato, per così dire, fisiologico.

    Ogni giorno infatti perdiamo una certa quantità di capelli come naturale “completamento” del loro “ciclo di vita”.

    Ma quanti capelli al giorno si possono perdere normalmente? E qual è la soglia oltre la quale è necessario “correre ai ripari”? La quantità di capelli che cadono ogni giorno varia da persona a persona e dipende essenzialmente dal numero di follicoli attivi e dal loro ciclo di ricrescita.

    Il numero di capelli che possono giornalmente cadere varia ovviamente da persona a persona ed è influenzato da vari fattori. Se proprio dobbiamo “dare i numeri”, possiamo stimare che la quantità di capelli persi si aggira in media attorno ai 40-120 al giorno. Un aumento stagionale di questo fenomeno può in sostanza essere ricondotto, almeno in parte, a un fisiologico “ricambio naturale”.

    Esistono poi alcune condizioni particolari  che possono causare un aumento della caduta:

    • gravidanza;
    • menopausa;
    • alterazioni del funzionamento della tiroide;
    • condizioni di stress intenso;
    • cattiva alimentazione;
    • fattori ormonali;
    • assunzione di farmaci;
    • scottature solari.

    Una volta esclusa la presenza di patologie specifiche (per le quali è sempre bene sentire il medico), come è possibile rinforzare i capelli e favorire la loro salute e bellezza?  E cosa fare quando ci si accorge di una perdita eccessiva?

    DIETA EQUILIBRATA E RIMEDI NATURALI PER RINFORZARE I CAPELLI

    Se si nota una perdita eccessiva di capelli, che si protrae per lungo tempo, è bene per prima cosa individuarne le cause.

    I fattori che possono  incrementare la caduta fisiologica, come illustrato in precedenza, sono infatti molti ed eterogenei.

    La salute dei capelli può essere influenzata in modo notevole anche dall’alimentazione: una dieta troppo rigida e sbilanciata (e dunque carente di vitamine e sali minerali e altri nutritivi) può infatti avere come conseguenza un loro indebolimento.

    Un valido aiuto per sostenere il benessere delle chiome può arrivare anche dall’assunzione di integratori specifici per capelli.

    I prodotti naturali concepiti ad hoc per i capelli in genere includono nella formulazione erbe, vitamine e sali minerali, al fine di garantire un effetto sinergico e una maggiore efficacia. In particolare possono essere presenti:

    • lo zinco, il selenio e la biotina, che favoriscono il benessere naturale dei capelli. Una funzione benefica può inoltre essere esercitata da alcune piante come bambù, equiseto, miglio e ortica; nella formulazione di alcuni prodotti è possibile trovare anche il saw palmetto, più indicato per gli uomini, in quanto può agire favorevolmente anche sul benessere della prostata;
    • il rame può contribuire alla normale pigmentazione dei capelli;
    • altre sostanze, come manganese, tè verde, semi d’uva, poligono del Giappone e vitamine B2, C ed E, possono risultare utili contrastando lo stress ossidativo.

    È possibile trarre giovamento anche dall’utilizzo di cosmetici per uso topico, come le lozioni studiate per stimolare e attivare la funzione del cuoio capelluto.

    I prodotti naturali concepiti appositamente in genere contengono oli essenziali e vitamine A, C ed E, utili per le loro proprietà nutritive e ricostituenti.

    Fonte Dr.Giorgini.

    ↵TORNA A NEWS

  • ESISTONO RIMEDI NATURALI PER LA CELLULITE?

    STILE DI VITA SANO E FITOTERAPIA PER COMBATTERE LA CELLULITEEsistono rimedi naturali per la cellulite?

    La cellulite è un inestetismo provocato da un’alterazione del tessuto sottocutaneo: in pratica si tratta di unaumento di volume delle cellule adipose (grasse) in zone specifiche del corpo come:

    • cosce;
    • glutei;
    • fianchi.

    Nello specifico, ogni persona ha un pannicolo adiposo, ovvero uno strato di cellule di grasso posto sotto la cute, che serve da riserva di energia per l’organismo. Le cellule di grasso possono ingrandirsi per vari motivi, tra cui:

    • a seguito di un’alterazione del sistema venoso e linfatico, che rallenta il flusso sanguigno verso gli arti inferiori;
    • a causa della ritenzione idrica, ovvero la stasi di liquidi nel tessuto.

    Possono essere individuate 3 tipologie di cellulite, che si differenziano in base allo stadio di avanzamento dell’inestetismo:

    • edematosa, caratterizzata da un ristagno di liquidi nei tessuti;
    • fibrosa, che si manifesta visibilmente sotto forma di pelle “a buccia d’arancia”;
    • sclerotica, caratterizzata da noduli induriti e dolenti e “pelle a materasso”.

    Ricordiamo che le compresenza di più fattori negativi può portare a un veloce peggioramento dell’inestetismo.

    COMBATTERE LA CELLULITE CON DIETA, MOVIMENTO ED ESTRATTI NATURALI

    Ritenzione idrica e cattiva circolazione possono quindi essere considerati, in un certo senso,tra i fattori scatenanti della cellulite.

    Per questo motivo, per prevenire o combattere la cellulite occorre adottare delle strategie in grado di agire su queste due “cause”, prime fra tutte alimentazione corretta e un po’ di regolare movimento.

    Un aiuto ulteriore può arrivare dall’assunzione di prodotti naturali specifici a base di estratti drenanti, per contrastare la ritenzione idrica, e piante utili per supportare il microcircolo.

    Nella formulazione di questi prodotti sono spesso sfruttati estratti di piante come:

    • mirtillo nero, rusco e ippocastano che possono supportare il corretto funzionamento del microcircolo;
    • ananas (gambo) e centella asiatica che possono contrastare gli inestetismi della cellulite e favorire il microcircolo.

    Ricordiamo che non esistono rimedi miracolosi in grado di eliminare la cellulite da un giorno all’altro (in particolar modo se l’inestetismo è presente da tempo e in una fase “avanzata”). L’assunzione regolare di integratori naturali specifici può comunque aiutare a ottenere buoni risultati sia dal punto di vista estetico che di benessere generale (la funzionalità del microcircolo è infatti fondamentale anche per combattere il senso digonfiore e pesantezza alle gambe).

    Fonte:Dr Giorgini.

    ↵TORNA A FOCUS

  • Esistono rimedi naturali contro le gambe pesanti?

    Esistono rimedi naturali contro le gambe pesanti?Come contrastare un disturbo molto diffuso, specie all’arrivo dei primi caldi

    A chi non è mai capitato, in particolar modo la sera, di avvertire una fastidiosa sensazione di pesantezza e indolenzimento alle gambe?

    Questo fastidio, che affligge prevalentemente le donne, può accentuarsi ulteriormente all’arrivo dei primi caldi.

    Si tratta di una problematica piuttosto diffusa, in special modo tra coloro che trascorrono diverso tempo in posizione statica (per esempio, in piedi o seduti alla scrivania).

    La causa principale delle gambe pesanti è la stasi venosa, o un’alterazione del  normale funzionamento della circolazione e del microcircolo , che può essere favorita da diversi fattori:

    • calore (non solo quello ambientale, ma anche l’esposizione a fonti dirette, che possono favorire un “rallentamento” della circolazione);
    • sovrappeso;
    • ereditarietà;
    • vita sedentaria;
    • fattori ormonali (non a caso le donne sono più interessate da questa problematica);
    • età avanzata.

    Il gonfiore agli arti inferiori può, nei casi più gravi, essere associato a formicolii o dolori.

    L’aggravarsi di questi fastidi può essere uno dei primi segnali di diverse problematiche di varia entità, per individuare le quali è sempre bene ricorrere al consulto del medico di fiducia.

    Le 8 regole per contrastare le gambe pesanti

    La sensazione di pesantezza alle gambe, in assenza di patologie specifiche, può essere efficacemente contrastata anche adottando alcune semplici abitudini:

    1. bere molta acqua, almeno 2 litri al giorno, anche per contrastare la ritenzione idrica;
    2. fare quotidianamente un po’ di attività fisica. Se non è possibile frequentare una palestra, va bene anche fare una piccola camminata ogni giorno o salire le scale (anziché prendere l’ascensore);
    3. inserire nella proprie alimentazione cibi ricchi di vitamina C e bioflavonoidi, come peperoni, kiwi, agrumi, ananas, frutti di bosco ecc.;
    4. evitare di indossare per tutto il giorno un abbigliamento troppo stretto, per non favorire il ristagno venoso, o scarpe con tacchi troppo alti;
    5. dormire tenendo le gambe a un’altezza superiore a quella del cuore (per farlo, è sufficiente mettere un piccolo cuscino sotto gli arti, o direttamente sotto il materasso);
    6. la sera, sotto la doccia, alternare sulle gambe getti di acqua calda e getti di acqua fredda (finendo sempre con quella fredda), partendo dalle caviglie e risalendo verso l’inguine. In questo modo si sollecita una sorta di ginnastica vascolare in grado di potenziare il tono delle pareti venose;
    7. un auto massaggio alle gambe con una crema apposita può essere utile per alleviare il senso di pesantezza; i cosmetici naturali più indicati in questi casi sono quelli con un effetto rinfrescante e decongestionante (a base di oli essenziali ed estratti vegetali di achillea, rusco, arnica, castagno ecc).
    8. è possibile trarre giovamento anche dall’assunzione di integratori naturali contenenti vitamina C (utile per sostenere la normale funzione dei vasi sanguigni) ed estratti di piante come mirtillo nero, vite rossa, rusco, ananas, ippocastano e centella, che possono favorire la funzionalità del microcircolo e contrastare la sensazione di  pesantezza alle gambe.

    Il nostro Laboratorio prepara il Gel Drenante per le Gambe pesanti indicato per gambe gonfie, stanche e pesanti. Rinfresca e tonifica aiutando la circolazione sanguigna.

    Fonte: Dr Giorgini.

    ↵TORNA A FOCUS

  • Cosa sono gli oli essenziali?

    Conoscere e sfruttare al meglio l’aromaterapia

    Gli oli essenziali sono sostanze altamente volatili, che proprio grazie a questa caratteristica raggiungono facilmente il nostro naso. Fluidi preziosi, dal dolce profumo, vengono estratti da molte varietà di piante. Il loro valore è sempre più apprezzato da ricercatori e medici (C. Valnet, Oli essenziali e aromaterapia, Rifreddo 2014).

    L’aromaterapia si basa sul principio che in ogni pianta sia contenuta un’“anima curativa”. Questa concezione secondo la quale dalle piante si possono estrarre sostanze volatili capaci di sostenere il benessere deriva da tradizioni antichissime.Cosa sono gli oli essenziali?

    Le benefiche proprietà degli oli essenziali possono essere sfruttate in diversi modi:

    • uso topico (massaggi, pediluvi, diluizione nella vasca da bagno). Per i massaggi, spesso gli oli essenziali vengono uniti a creme, lozioni neutre o oli vegetali;
    • diffusione ambientale, per purificare e profumare le stanze, o suffumigi/inalazioni;
    • uso interno. Alcuni oli essenziali possono essere anche aggiunti agli alimenti, per aromatizzarli, oppure ingeriti, diluendone qualche goccia in un cucchiaino di miele o mettendoli su una zolletta di zucchero.

    Ma qual è il meccanismo d’azione degli oli essenziali?

    Gli oli essenziali, volatilizzandosi a temperatura ambiente, stimolano le terminazioni nervose del naso che inviano un messaggio al sistema limbico (che presiede alla memoria e alle emozioni) e poi all’ipotalamo che regola il sistema ormonale.

    Per esempio, per far fronte ad alcuni fastidi alle vie respiratorie, è possibile trarre giovamento dall’olio essenziale di eucalipto che «favorisce la soluzione e l’espettorazione del catarro e nello stesso tempo calma l’eccessiva irritazione […] Nelle malattie dell’apparato respiratorio l’essenza viene utilizzata sotto forma di inalazioni, atomizzazioni, nella lampada per aromi…» (Suzanne Fischer-Rizzi, Profumi celestiali. Uso delle essenze naturali e loro azione su corpo e sulla mente, Tecniche Nuove, 2005).

    Un olio essenziale che si presta a svariati utilizzi è l’olio essenziale di lavanda , che può essere anche sfruttato per preparare piccoli sacchetti da mettere negli armadi per profumare la biancheria (può essere utile anche per tenere lontane le tarme, che detestano il suo odore).

    La gamma di oli essenziali è tuttavia molto ampia, così come i loro diversi utilizzi e ambiti d’azione e quelli forniti sono solo due semplici esempi.

    Dall’Antico Egitto ad Avicenna, fino ai giorni nostri: storia dell’aromaterapia

    Egiziani, Greci e Romani conoscevano già l’utilità degli oli essenziali, e li usavano non solo per l’imbalsamazione, ma anche a fini cosmetici e curativi, come si evince da alcune tavolette ritrovate nei templi di Esculapio (dio della medicina), ove erano incise alcune ricette di aromi medicinali!

    Il primo a descrivere in maniera più approfondita le proprietà degli oli essenziali fu il filosofo e medico Avicenna, mentre nel ‘500 Paracelso introdusse il termine in riferimento al concetto di “quintessenza” intesta come anima della pianta, la sua componente più sottile e purificata.

    Secondo la teoria e la pratica del celebre medico e alchimista, eliminando la materia più densa, la distillazione libera l’informazione energetica della pianta; l’olio che se ne ricava è quindi “essenziale”, capace di raggiungere la parte analoga dell’uomo: la sua anima e lo schema energetico che sostiene il suo corpo.

    Il termine aromaterapia venne invece introdotto negli anni ’20 da René Maurice Gattefossé, chimico francese che, studiando le applicazioni cosmetiche degli oli essenziali, notò importanti effetti dell’olio essenziale di lavanda sulle ustioni.
    Un altro francese, Jean Valnet, portò avanti l’impiego terapeutico delle essenze, utilizzandole anche durante la seconda guerra mondiale per medicare le ferite dei soldati riportate in battaglia.

    Fonte: Dr Giorgini. http://www.drgiorgini.it/blog/

    ↵TORNA A FOCUS

  • Lasagne di mare

    Ho deciso di fare un pò di tentativi e di sperimentare con la sfoglia per lasagne.
    La settimana scorsa ne avevo fatta una piccola, classica, solo per me e per il mio fidanzato. È avanzata un po’ di sfoglia ed anche un po’ di mozzarella, ma non mi andava di rifarla uguale, e poi era poca… E così ieri ho guardato che cosa c’era a disposizione nella dispensa ed ho fatto la prova numero 1!! Il risultato è stato una lasagnetta piccola piccola, praticamente una monoporzione… però era proprio bellina e buona anche! Mi sono entusiasmata, per una volta mi è venuto bene un esperimento al primo tentativo! Ho deciso: ogni tanto proverò a fare le lasagne con ingredienti un po’ insoliti e vediamo qual è la più buona.
    Provatela e fatemi sapere!

    Senza Zucchero

    Senza Lievito

    Senza SoiaLasagne-di-mare

    Ingredienti:

    sfoglie di pasta all’uovo per lasagne
    250 gr di gamberetti, vanno bene anche quelli surgelati…però sono meglio quelli freschi!
    mozzarella
    160 gr di tonno in scatola, quindi una scatoletta grande
    9-10 pomodori
    15 olive nere e verdi
    olio
    origano
    sale e pepe

    Difficoltà: MediaDifficoltà: MediaDifficoltà: MediaDifficoltà: Media

    Preparazione

    Tagliuzzate i pomodori, metteteli in una padella e fateli cuocere un po’, con poco olio, quindi aggiungete il tonno sbriciolato, i gamberetti, e le olive denocciolate e tagliuzzate.

    Condite il tutto con sale, origano ed un po’ di pepe, se vi piace.

    Prendete una teglia, allargate sul fondo un mestolo di condimento e sistemateci la sfoglia, uno strato di mozzarella tagliata a fettine (che avrete già fatto sgocciolare un po’ da parte), poi ancora il sugo e ripetete di nuovo tutta l’operazione.

    Coprite bene l’ultimo strato con la salsa ed infornate a 200°-220° x 20 min. circa.

    VARIANTE PER GLI INTOLLERANTI AL LATTOSIO:
    togliete tranquillamente la mozzarella perché queste lasagne vengono benissimo lo stesso, non diventano per niente secche!

    TORNA A PRIMI PIATTI

    Fonte:Celiachiamo