• DEFIBRILLATORE SEMIAUTOMATICO – PROGETTO CUORE VITA

    PROGETTO CUOREVITACuore amico

    Nell’ambito del progetto “CUOREVITA”, ideato dall’Amministrazione Comunale di Isola Vicentina sono stati posizionati nel nostro comune sette defibrillatori: presso le scuole medie ed elementari, il palazzetto dello sport, le farmacie di Isola e Castelnovo. Davanti alla nostra farmacia, in piazza a Isola, ne sarà posizionato uno, donato da noi all’Amministrazione.

    Cosa è un defibrillatore?

    E’ uno strumento salvavita, serve a rilasciare una scarica elettrica calcolata a 150 J per un paziente adulto e ha la possibilità, attraverso degli speciali elettrodi pediatrici, di poter defibrillare bambini sotto gli otto anni con scariche più contenute. Vedi figura n.1

    Cosa vuol dire defibrillare?

    Dare una scarica elettrica al cuore, in caso di arresto cardiaco, per riattivarne le normali funzionalità, farlo cioè ripartire!

    Misure e peso oltre che una estrema facilità di utilizzo, sono le caratteristiche che rendono questa macchina innovativa e semplice da usare. Infatti è in grado di parlare all’utente e di guidarne le manovre necessarie in emergenza, questo attraverso una voce guida che fornisce indicazioni in tempo reale.

    E’ poi in grado ciclicamente di effettuare degli autotest, comprese auto scariche trimestrali, tutto per garantire sempre il funzionamento ottimale.

    L’Amministrazione Comunale ha attivato dei corsi base sul loro uso per sensibilizzare la popolazione e fornire istruzioni al maggior numero di persone possibili.

    Figura n.1

    Cos’è l’arresto cardiaco?

    L’arresto cardiaco è una grave condizione clinica d’emergenza, caratterizzata dall’improvvisa e inaspettata interruzione dell’attività cardiaca e dalla perdita di conoscenza e delle capacità respiratorie.

    Esso è così grave che, se non s’interviene immediatamente, nel giro di pochissimi minuti provoca dei danni permanenti al cervello e la morte dell’individuo colpito.

    Per le sue caratteristiche di repentinità, imprevedibilità e letalità, l’arresto cardiaco viene detto anche morte cardiaca improvvisa o arresto cardiaco improvviso.

    Spesso molti identificano l’arresto cardiaco con l’attacco di cuore (comunemente chiamato infarto). Tuttavia, sono due disturbi differenti, in quanto hanno natura distinta: all’origine dell’infarto c’è una interruzione del flusso di sangue diretto al cuore con conseguente morte della parte del miocardio interessata a tale interruzione; all’origine dell’arresto cardiaco, invece, c’è una alterazione del ritmo sinusale, ovvero una gravissima forma di ARITMIA (fibrillazione ventricolare) che porta il cuore, anziché contrarsi e pompare il sangue verso i vari organi del corpo, a vibrare in modo del tutto inutile e inefficace, per cui ad esmpio il cervello non viene più irrorato, va’ in sofferenza e muore.Defibrillatore_simbolo

    Proviamo a immaginare ora il cuore come percorso da un impianto elettrico (in verde nella figura n.2) e capace di generare e condurre da sé gli impulsi elettrici per la contrazione degli atri e dei ventricoli al fine di avere una funzionalità normale. La sorgente di tali impulsi si trova a livello dell’atrio destro del cuore e si chiama nodo seno atriale (vedi figura n.2) il quale ha il compito di scandire, come un metronomo, la giusta frequenza di contrazione che poi si propaga in tutto il cuore attraverso il suddetto impianto elettrico.

    Ecco che una qualsiasi interruzione o anomalia in questo sistema produce una aritmia ed è lì che interviene il defibrillatore ripristinando, quando possibili, il normale circuito elettrico cardiaco e la giusta frequenza.

    figura n.2

    Secondo uno studio statistico, in Italia, l’arresto cardiaco ha un’incidenza annuale pari a un caso ogni 1000 abitanti e una mortalità elevata, in assenza di aiuti terapeutici è del 2%, che sale fino al 50% con l’uso in tempo utile del defibrillatore e della rianimazione cardio polmonare RCP o massaggio cardiaco.

    E’ più frequente tra gli uomini dai 45 anni e le donne dai 55 anni in su (nei giovani è legato a particolari difetti congeniti del cuore cioè presenti dalla nascita) ed è più frequente per il sesso maschile, 3 a 1.

    Ecco perché siamo forse un’ ISOLA un po’ più sicura…

  • La nostra Rivista

    Da circa un anno abbiamo ampliato la nostra offerta formativa con l’introduzione della nostra rivista con la finalità di un costante rapporto con i clienti per informare su tematiche sanitarie e per presentare i nostri nuovi servizi e promozioni. In questa pagina potete consultare l’ultimo numero della rivista e tutti i numeri precedenti. Non ci resta che dire…Buona Lettura!

    Estate 2018

    Primavera 2018

     Inverno 2017

     Autunno 2017

    Estate 2017

    Primavera 2017

     

    inverno

    Inverno 2016

     

    primavera

    Autunno 2016

    prima

    Estate 2016Immagine

    Primavera 2016

    rivista

     Inverno 2015

    rivista dicembre

    Autunno 2015

    rivista autunno

    Estate 2015

    rivista estate

    Primavera 2015

    rivista primavera2015

    Inverno 2014

    inverno2014

     

  • Test per le intolleranze alimentari – Lattosio – Celiachia

    Nella nostra Farmacia effettuiamo test per ricercare intolleranze alimentari, al Lattosio e inoltre anche il test per l’autodiagnosi della celiachia.

    Tutti questi test possono essere eseguiti istantaneamente in farmacia senza alcuna prenotazione!

    Andiamo ora a presentare singolarmente le tipologie di test:

    Test per le intolleranze alimentari FOOD INTOLERANCE TEST F.I.T.

    Il Food Intolerance Test (test per le intolleranze alimentari, abbreviato F.I.T.) è un test, effettuato mediante la metodica ELISA, che permette di individuare quali siano le proteine alimentari contro le quali l’organismo ha reazioni avverse. È disponibile nelle versioni da 46, 92 e 184 alimenti, oppure nella versione FIT 92 alimenti L.O.V. (Latto-Ovo-Vegetariano).

    Anche tra i cibi quotidiani, in apparenza graditi e innocui, si possono nascondere alimenti verso i quali il nostro corpo ha sviluppato le cosiddette intolleranze alimentari: si tratta di reazioni dose dipendenti (proporzionali alla quantità di alimento introdotto), i cui sintomi sono legati all’accumulo di sostanze non tollerate dall’organismo e che compaiono con un certo ritardo rispetto all’assunzione del cibo, per questo non è possibile collegare in modo automatico cause ed effetti.

    Food Intolerance TestIl Test è rivolto in generale a chiunque desideri intraprendere uno stile alimentare più corretto, che tenga cioè conto degli alimenti non tollerati, oppure, prima di sottoporsi ad analisi o esami strumentali invasivi,se hai uno o più di uno di questi sintomi:

    • Sintomi generali: stanchezza, ritenzione idrica, borse oculari, sonnolenza postprandiale, alitosi, aumento della sudorazione;
    • Sistema nervoso: cefalea, ansia, depressione, irritabilità, scarsa memoria, difficoltà di concentrazione, vertigini;
    • Apparato respiratorio: difficoltà di respirazione, asma, tosse, rinite allergica, sinusite;
    • Apparato cardiocircolatorio: alterazioni della pressione arteriosa, palpitazioni, extrasistoli;
    • Apparato gastro-enterico: gonfiore, senso di nausea, dolori e crampi addominali, disturbi dell’alvo (diarrea, stitichezza), aerofagia;
    • Apparato urogenitale: cistiti, infiammazioni urogenitali, sindrome premestruale;
    • Apparato muscolo-scheletrico: crampi, tremori muscolari, debolezza muscolare, dolori articolari, infiammazioni muscolo-tendinee;
    • Epidermide: prurito locale e generalizzato, acne, eczema, dermatiti.

    Il test viene effettuato mediante analisi su un campione di sangue e non serve essere a digiuno in quanto il prelievo può essere eseguito in qualsiasi momento della giornata. Il campione viene spedito al Laboratorio Natrix di Reggio Emilia dove viene analizzato. In circa una settimana arriverà in farmacia il referto cartaceo con gli esiti delle intolleranze in base alla scelta degli alimenti. Natrix mette a disposizione un numero verde da contattare per avere chiarimenti sul risultato del test e su come impostare uno specifico protocollo alimentare.

    Test per l’intolleranza al Lattosio Gentras

    Con il Test del Lattosio della Gentras è sufficiente prelevare un campione di cellule dalle pareti interne delle guance  con un metodo totalmente indolore. Con questo sistema si ha la certezza di essere o non essere intolleranti al lattosio perché si basa sulla ricerca del gene che codifica la lattasi. Il campione viene prelevato dalla mucosa orale, ma potrebbe essere fatto4 da qualunque altra parte del corpo, per essere sicuri che non ci siano contaminazioni con DNA altrui come potrebbe facilmente succedere per esempio su una mano o sul viso.

    Il campione prelevato essendo particolarmente stabile può essere spedito, senza particolari precauzioni, ai laboratori Gentras per l’analisi e la refertazione medica che verrà inviata v
    ia posta. Qualora si risultasse intolleranti è necessario curare la propria dieta evitando alimenti che contengano lattosio nel limite del possibile. In commercio sono disponibili anche dei prodotti a base di lattasi, anche 100% di origine vegetale, da assumere prima di un pasto “a rischio”, in grado di facilitare la digestione del lattosio.

    I cibi contenenti le maggiori concentrazioni di lattosio sono il latte, lo yogurt, i formaggi e il burro, ma lo si trova anche in alimenti insospettabili e in preparati industriali. 

    Conoscere il proprio stato di salute e assumere comportamenti quotidiani mirati alla salvaguardia del proprio benessere e della propria salute sono aspetti fondamentali per mantenere stomaco e intestino in buone condizioni.

    L’intestino è il nostro secondo cervello, non trascuriamolo!

    Test autodiagnosi della celiachia Xeliac Test Pro

    Xeliac Test PRO è un test per l’autodiagnosi della celiachia. Rappresenta uno strumento di diagnosi iniziale (“screening di primo livello”) che ti aiuta a individuare la celiachia e a facilitare la diagnosi di una malattia ampiamente sottostimata per la presenza di sintomi sfumati e facilmente correlabili ad altre patologie (sindrome del colon confezione-apertairritabile e diverse altre).

    La Celiachia è dovuta a un’intolleranza permanente al glutine, un complesso di proteine che si trovano nel grano, nell’orzo, nella segale, in molti altri cereali e in tutti i cibi che li contengono.
    Nei soggetti celiaci l’intolleranza al glutine si manifesta con una risposta di difesa immunitaria che implica la produzione di specifici anticorpi: IgA e IgG anti-transglutaminasi che reagiscono verso il glutine riconosciuto come sostanza estranea dal proprio organismo. Il Test misura la presenza di anticorpi specifici per la celiachia, denominati di classe A (IgA) e di classe G (IgG) anti-transglutaminasi, in una goccia del tuo sangue. Si richiede solo 1 goccia abbondante (20 µl) di sangue e può essere eseguito e letto in circa 5-10 minuti.

    Un test che ti porta l’ambulatorio in farmacia e ti aiuta a uscire dal dubbio.  Saperlo prima è meglio.

     

  • Osteoporosi

    osteoporosi19141014_mlDEFINIZIONE

    Condizione caratterizzata dalla progressiva diminuzione della densità dell’osso, con conseguente aumento della sua fragilità e suscettibilità alle fratture. In condizioni normali, la resistenza e la compattezza delle ossa è data dal loro contenuto in minerali ( come calcio e fosforo ). Quando questo diminuisce, a seguito di processi fisiologici o patologici, le ossa perdono di resistenza e compare l’osteoporosi.

    CAUSE

    La densità ossea diminuisce normalmente con l’età e l’osteoporosi spesso subentra con l’invecchiamento , in particolare nelle donne dopo la Menopausa, favorita anche dalla riduzione del livello di ormoni sessuali ( estrogeni ). Altre possibili cause di osteoporosi secondaria sono: l’immobilizzazione prolungata, l’Insufficienza renale cronica, i disturbi ormonali e l’assunzione a lungo termine di farmaci ( come i cortisonici e gli anticonvulsivanti ). Fumo, alcol, disturbi del comportamento alimentare ( Anoressia, Bulimia), ossa sottili per costituzione scheletrica, sono tutti fattori di rischio per la comparsa di osteoporosi.

    SINTOMI

    L’osteoporosi non produce sintomi fino a quando la fragilità delle ossa colpite non determina la comparsa di fratture cosiddette patologiche, che cioè avvengono in condizioni che solitamente non provocherebbe un tale danno all’osso . Particolarmente frequenti e pericolose sono le fratture del femore e dell’anca. Le vertebre indebolite possono collassare spontaneamente o a seguito di traumi minimi, determinando la comparsa di dolore intenso e improvviso o di un mal di schiena cronico.

    DIAGNOSI

    La diagnosi di osteoporosi è spesso accidentale, in seguito a radiografie eseguite per altri motivi. La mineralometria osseacomputerizzata (MOC), con apparecchio a raggi X (DEXA, radiodensitometria a doppia energia ) o con ultrasuoni, è l’esame utilizzato per misurare la densità ossea e valutare la presenza e la gravità della malattia. Vengono spesso associati esami del sangue per misurare i livelli di calcio e fosforo e degli ormoni coinvolti nel metabolismo osseo.osteoporosi-in-Italia-eta-sesso

    CURE

    Le donne in Menopausa a rischio di osteoporosi possono utilizzare la terapia estrogenica sostitutiva o il raloxifene ( un modulatore selettivo del recettori degli estrogeni ) per prevenire o bloccare la perdita di densità ossea. In tutti i tipi di osteoporosi, i farmaci appartenenti alla classe dei bifosfonati ( come alendronato, zoledronato, risedronato ), in grado di inibire il riassorbimento osseo, vengono utilizzati a scopo sia preventivo che terapeutico. Indicata in alcuni casi anche la calcitonina sotto forma di spray nasale.Recentemente, è stato introdotto in terapia l’ormone paratiroideo ( teriparatide ), con risultati incoraggianti.

    CURE ALTERNATIVE

    Per l’osteoporosi la fitoterapia propone, fra l’altro, pappa reale, equiseto, avena sativa, eleuterococco e olio essenziale di limone. Disponibili anche terapie omeopatiche.

    ALIMENTAZIONE

    La dieta deve essere ricca di calcio e di vitamina D, eventualmente ricorrendo anche ad integratori . Oltre ai latticini (considerati la migliore fonte di calcio), sono ricche del minerale anche alcune alghe marine ( kelp e dulse ), broccoli, cavolo verde, cime di rapa, tofu, fagioli, soia e crusca di grano.

     

    Fonte:Dica33.

    ↵TORNA A FOCUS

  • La Psicologa in farmacia

    La farmacia tutti i giorni è punto di riferimento per i cittadini. Quale altro professionista oltre al farmacista  è così facilmente raggiungibile senza appuntamento? Molti sono i dubbi e le perplessità che richiedono chiarimenti: dalla corretta assunzione dei medicinali alla manifestazione di un problema di salute nuovo e quindi mai affrontato.
    In farmacia giornalmente vengono dati centinaia di consigli ed è proprio questo contatto continuo con il pubblico che permette di rilevare una sofferenza psicologica che si m
    fotopsicologaanifesta ad esempio come ansia o i molto comuni attacchi di panico.

    Nella nostra farmacia è stata promossa  l’iniziativa “Psicologo in Farmacia”, che offre a tutti i cittadini la possibilità di accedere a una consulenza psicologica gratuita.

    La modalità di accesso al servizio è libera: il paziente può presentarsi in farmacia per prenotare un colloquio.

    La Psicologa che presta servizio nella nostra farmacia è la Dottoressa Anna Rossoni, psicologa psicoterapeuta, specializzata in medicina psicosomatica di cui riportiamo in seguito il link del sito. http://www.annarossoni.it/

    La Dottoressa riceve su appuntamento il mercoledì dalle 9.00 alle 12.00.
  • Prenotazioni Cup A.S.L. 8 – STAMPA REFERTI

    Nella nostra farmacia effettuiamo prenotazioni di visite, esami e analisi per i cittadini residenti nell’A.S.L. n°8.

    Inoltre, gratuitamente, eseguiamo il ritiro referti e la stampa delle esenzioni 7R2.r1y6p4i3n2u8z4u0s0x9b1n5t__Sn-stampa_referti

    prenotazione-visite-messina

  • Autoanalisi del sangue

    Autoanalisi del sangue: perchè farle? Da noi PUOI farle!

    Effettuare periodicamente le autoanalisi del sangue significa tenere sotto controllo il proprio stato di salute e prevenire eventuali patologie. Oggi in farmacia, appoggiandosi alla competenza del personale, è possibile eseguire le autoanalisi in pochi minuti e risparmiando tempo. E’ consigliato eseguire le autoanalisi entro le ore 10.00 del mattino, a digiuno dalla mezzanotte del giorno prima. Il test è indolore: l’autoanalisi del sangue viene effettuata con una semplice puntura del polpastrello, si preleva una goccia di sangue che viene successivamente esaminata da un analizzatore automatico.autoanalisi

    Nella nostra farmacia puoi effettuare la rilevazione di questi parametri che adesso analizzeremo:

    COLESTEROLO TOTALE: è un grasso prodotto dal fegato e introdotto nel nostro organismo anche dagli alimenti che assumiamo. La produzione non controllata del colesterolo può provocare malattie molto gravi di natura cardiovascolare. Il valore di riferimento è: < 200 mg/dl.

    COLESTEROLO HDL: è costituito da lipoproteine ad alta densità con la funzione di rimuovere il colesterolo in eccesso nei tessuti e portarlo nel fegato; per questo viene anche chiamato colesterolo buono. Il valore di riferimento è: > 40 mg/dl.

    COLESTEROLO LDL: è costituito da lipoproteine a bassa densità e può rivelarsi dannoso per la salute e in particolare per il cuore, perché queste lipoproteine portano il colesterolo dal fegato ai vasi sanguigni; per questo viene anche chiamato colesterolo cattivo. Il valore di riferimento è: < 115 mg/dL.

    TRIGLICERIDI: sono una tipologia di grasso presente nel sangue e nei tessuti. Valori superiori a quelli indicati aumentano il rischio di malattie cardiovascolari. Il valore di riferimento è: < 170 mg/dl.

    GLICEMIA: la glicemia è il valore della concentrazione di glucosio nel sangue. I valori normali di riferimento sono tra 70 e 100 mg/dl; test importante per l’individuazione di malattie come il diabete.

    EMOGLOBINA GLICATA: è una proteina che si trova sulla superficie dei globuli rossi e che fornisce loro la capacità di portare l’ossigeno agli organi e ai tessuti. Essa può legarsi al glucosio, presente ad elevate concentrazioni nel sangue in caso di diabete, formando l’emoglobina glicata (HbA1c), una nuova proteina che non trasporta l’ossigeno con la stessa efficacia dell’emoglobina. Questo provoca una minore ossigenazione degli organi e tessuti. Il test dell’emoglobina glicata permette di controllare il livello glicemico del paziente affetto da diabete mellito ed è utili per conoscere la quantità di glucosio presente nel sangue nei due-tre mesi prima del test. Il valore di riferimento è : < 6,5 % .

  • Consulenza all’allattamento

    Nella nostra farmacia è possibile prenotare un appuntamento per ricevere una consulenza gratuita all’allattamento da un professionista del settore!

    L’allattamento naturale è ormai considerato il modo ottimale di nutrire i bambini fino al sesto mese di vita. Grazie alla sua composizione, il latte materno risponde a preci2015_09_21_Produzione-di-latte-domanda-e-offertase esigenze di crescita del neonato e allo sviluppo del suo apparato digerente. La sua qualità è dovuta alla presenza di fattori protettivi immunologici: per esempio rispetto a forme infiammatorie, diarroiche e infezioni delle vie respiratorie. L’allattamento al seno, inoltre, diminuisce l’incidenza delle allergie.Con le poppate non c’è il rischio di sbagliare dose di latte da somministrare ed in generale i bambini che si nutrono di latte materno presentano un accrescimento più lento, ma più equilibrato rispetto a quelli che prendono il latte artificiale. Un altro beneficio è l’instaurarsi dei meccanismi di controllo dell’appetito. Dal punto di vista psicologico, tenendo presente che le poppate favoriscono la vicinanza fisica e affettiva tra mamma e neonato, bisogna considerare quale rapporto la madre instaura con il figlio e come vive la propria scelta. Se la madre gradisce l’allattamento riuscirà a trasmettere serenità al piccolo. In caso contrario, invece, anche il senso del rifiuto da parte della madre sarà trasmesso e percepito dal neonato. Sebbene il latte materno sia il miglior alimento per il neonato, vi sono svariati motivi per cui si dovrà ricorrere al latte artificiale: il latte materno può non essere sufficiente, la mamma soffre di determinate patologie o il latte materno ha bisogno di essere integrato con il latte artificiale. Il latte artificiale viene prodotto a partire dal latte vaccino, modificandolo in modo da adattarlo al neonato. L’allattamento artificiale può cominciare dopo le prime settimane di allattamento naturale o subito dall’inizio. In caso di dubbio riguardo a questa scelta è bene tenere separate le ragioni mediche da quelle psicologiche ed emozionali e ricordare che la cosa più importante per il bambino è che si senta amato e venga nutrito, secondo il metodo che la madre ritiene più adatto.

    Chiedi in Farmacia: riceverai un consiglio per la scelta dei prodotti più adatti al tuo bambino!